Dopo Facebook e Twitter, anche Instagram inserisce l’Algoritmo

Instagram, il social network delle foto “istantanee”, sta per cambiare, ovvero i post non saranno visualizzati più in ordine cronologico ma di rilevanza: a regolarli sarà l’algoritmo. In realtà questa è una novità per Instagram ma non per Facebook e Twitter, per i quali era già il sistema a decidere cosa far vedere all’utente, analizzando i suoi interessi.

o-INSTAGRAM-facebook

Questa modifica è stata pensata per evitare che gli utenti di Instagram non perdano i post più importanti durante l’aggiornamento continuo di immagini.

Secondo quanto riportato dai gestori, prima di introdurre tale cambiamento, la funzione sarà sperimentata su piccoli gruppi di utenti.

Scorrendo gli scatti in maniera cronologica la gente perda mediamente il 70% dei contenuti pubblicati dalle persone che segue, poiché la piattaforma è cresciuta notevolmente e non si riesce a stare al passo con tutti i post.

Quindi Instagram sceglie un ordine basato sui contenuti più significativi, sulla relazione dell’utente con chi pubblica il post e sulla data di pubblicazione.

C’è da chiedersi quale sia il tornaconto di Instagram da questo cambiamento.

Si prevede che gli utenti guardino immagini a loro gradite in modo da  usare per più tempo l’applicazione, osservando nel contempo più pubblicità affinché Instagram accresca così i propri guadagni.

In realtà la medesima cosa è successa a Facebook, che grazie all’algoritmo, ha avuto una crescita fino ad un miliardo e mezzo di utenti.

Sfortunatamente c’è chi critica il cambiamento perché lo vede come elemento fallimentare di questo social, costruito sul fattore “tempo”.  Questo malcontento si sta diffondendo attraverso il web e i social, con l’hashtag #RIPInstagram. Accadde anche nel 2009 per Facebook, ma in breve gli utenti ne hanno poi assimilato le modifiche di consultazione.

Sei appassionato di social e ne vuoi saper di più? Partecipa al corso di Social Media Marketing presso l’ADV Studios.

 

 

Pubblicato da: Adv Studios

Tagged , , , , , , , , , , , ,